Al via i campi del sole a Pentedattilo sui beni confiscati alla 'ndrangheta

Lavoreranno sui terreni confiscati alla ‘ndrangheta e contribuiranno alla rivalorizzazione del borgo antico di Pentedattilo. Da domenica,il suggestivo borgo dell’area grecanica calabrese sarà invaso dai volontari provenienti da Lodi, Verona e Bolzano che per un’intera settimana parteciperanno ai Campi del Sole. Insieme a loro, per la prima volta anche alcuni dei ragazzi richiedenti asilo politico del progetto Sprar di Villa San Giovanni “Approdi Mediterranei”. Il campo è organizzato dalla partnership tra Arci, Associazione ProPentedattilo, Libera e Consorzio Macramè nell’ambito del Progetto “Green Economy e beni confiscati – esperienze nella Placanica Factory”, finanziato dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Durante i giorni di campo, i ragazzi lavoreranno sui terreni di Placanica gestiti da Macramè, a Villa Placanica gestita dalla ProPentedattilo e a Villa Benvenuto gestita dall’Associazione Insieme senza barriere, tutti terreni e immobili confiscati alla ‘ndrangheta locale. Nel pomeriggio invece, ci saranno diverse attività finalizzate a far conoscere ai ragazzi la realtà calabrese attraverso storie e testimonianze. Nello specifico, i volontari visiteranno l’ex bowling di Campolo, bene confiscato e affidato all’Arci, dove sono in corso i lavori di riqualificazione e trasformazione dell’immobile in un centro civico polivalente. Diversi anche i focus. Si inizia con quello sull’immigrazione dal titolo:“Dove il mare finisce e la terra comincia”, un incontro con i ragazzi del Nuvola rossa di Villa San Giovanni e i ragazzi migranti del progetto Sprar; ci sarà poi “Resistere per restare” in compagnia di Gianni Pensabene, presidente Consorzio Macramè e Peppe Angelone di Reggio non tace. “Voci di resistenza calabrese” sarà invece la tematica del pomeriggio con il presidio locale di Libera “A. Marino”. E ancora visite, escursioni nei borghi dell’area grecanica e infine la festa tradizionale in compagnia dello spettacolo di giocoleria e teatro di Alberto Polito e i Don Cosciotti senza mancia. Ufficio stampa Placanica Factory

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

  Accetto cookies da questo sito
EU Cookie Directive Module Information